Contattaci           

       

I Salvatoriani hanno trovato negli Apostles of Jesus e la loro organizzazione umanitaria attiva in Kenya Apostles of Jesus AIDS Ministries (AJAM) un partner valido. Gli Apostles of Jesus, una giovane congregazione diocesana fondata nel 1968 in Uganda, sono riusciti a convincere SOFIA della loro serietà e della competenza e professionalità dei suoi membri. AJAM è stata creata nel 2000 con l’obiettivo di trovare delle soluzioni alle sfide impellenti dell’epidemia di HIV/AIDS nel distretto di Kajiado County, un’area rurale e semi-urbana povera nelle vicinanze di Nairobi. Nel corso degli anni, implementando la sua mission di prevenire, controllare, mitigare e frenare la diffusione e l’impatto di HIV/AIDS a livello comunitario, AJAM ha sviluppato un programma olistico di base radicato nella realtà locale che affronta la malattia stessa, capillarmente diffusa, come anche una vasta gamma di problemi connessi.

Il concetto sul quale si basa il programma è la convinzione che HIV/AIDS è un circolo vizioso costituito da povertà, istruzione lacunosa sulle cause della malattia ed accesso insufficiente a servizi sanitari in un’area rurale abitata tra l’altro da minoranze etniche svantaggiate. La mission di AJAM è quella di corroborare le singole persone e le comunità locali e di renderle capaci di affrontare l’enorme sfida che HIV/AIDS comporta per la loro vita e, a lungo termine, di prevenire e superare la malattia con tutte le sue ripercussioni nefaste. Di conseguenza, AJAM fornisce molteplici servizi, tra cui:

• la prevenzione dell’HIV/AIDS tramite test clinici su base volontaria, il blocco della trasmissione del virus da madre a figlio, l’educazione sanitaria e attività di sensibilizzazione;

• l’assistenza sanitaria materna e infantile, la somministrazione della terapia antiretrovirale, il sostegno di bambini particolarmente vulnerabili e dei loro genitori o badanti, la cura individuale a domicilio fornita a persone direttamente e indirettamente colpite dalla malattia;

• il sostegno educativo e psicologico agli orfani da AIDS, corsi di formazione delle competenze personali per i giovani, l’educazione in merito dei diritti delle donne, dei diritti umani e del comportamento sessuale responsabile, compresi i valori evangelici, nonché iniziative di formazione professionale per i giovani, il sostegno di gruppi di risparmio formati da donne e dell'imprenditorialità femminile.

Fino ad oggi AJAM con la sua battaglia contro l’HIV/AIDS ha raggiunto oltre 150.000 bambini, giovani e donne.

La Società del Divin Salvatore, tramite SOFIA, sta cooperando con AJAM sin dal 2010, il ruolo di SOFIA essendo quello di assistere nella raccolta di fondi e sussidi per questo ambizioso programma. Grazie all’impegno di Daniela Coppola, responsabile in SOFIA per questo partner, AJAM nel corso degli ultimi anni ha ricevuto importanti finanziamenti da parte di agenzie donatrici internazionali che hanno consentito all’organizzazione keniota di portare avanti ed addirittura amplificare le sue attività. Daniela ha inoltre monitorato AJAM e l’ha aiutata a sviluppare un quadro di riferimento per la valutazione del suo operato nonché un piano strategico. Quando l’agenzia umanitaria ecclesiastica tedesca MISSIO ha inviato un medico per una verifica dei contenuti, della gestione, dell’esecuzione e dell’impatto del progetto, il rapporto molto positivo di questo sopralluogo ha incentivato la raccolta fondi in maniera significativa e ha ulteriormente confermato la stima iniziale di SOFIA nei confronti degli Apostles of Jesus e dei loro AIDS Ministries.

Emergenza siccità 2017

Nella primavera del 2017, la siccità in Africa Orientale più severa degli ultimi decenni ha causato in Kajiado la perdita di colture e la morte di bestiame su larga scala, privando la comunità locale dei Maasai dei loro mezzi di sussistenza. SOFIA in cooperazione con AJAM ha richiesto ed ottenuto 15.000 € di finanziamento d’emergenza dall’agenzia umanitaria irlandese Misean Cara per poter acquistare e distribuire derrate alimentari a 1.200 famiglie povere (circa 8.400 persone) che vivono ad Emboliey, una delle località più colpite. La siccità sfortunatamente continua a produrre conseguenze devastanti quali l’insicurezza alimentare ed allarmanti tassi di malnutrizione, con circa 150.000 persone bisognose di aiuti alimentari, tra cui 75.000 bambini che soffrono la fame e che rischiano di rimanerne affetti in maniera irreversibile. Questa situazione richiede un costante sforzo comune di tutti, di noi Salvatoriani e di ogni altro potenziale partner di cooperazione!

 

AJAM-from-CEI-Report-10
AJAM-from-CEI-Report-9
AJAM-from-CEI-Report-8
AJAM-from-CEI-Report-7
AJAM-from-CEI-Report-5
AJAM-from-CEI-Report-4
AJAM-from-CEI-Report-3
AJAM-from-CEI-Report-2
AJAM-from-CEI-Report-1
1024SILC-WOMEN-GROUPS-IN-THEIR-JOINT-MEETING-WITH-SOME-OF-VI102
1024P1170904
1024P1060235-hell
1024P1060194
1024P1060192
1024P1060179
1024EVA-WITH-AJAM-ECDE-CHILDREN-2

 

Franciscus Jordan

Finché

Dio non sia glorificato dappertutto, non t’è permesso riposare un momento.

Salvatoriani nel Mondo

Albania  Australia  Austria  Bielorussia  Belgio  Brasile  Camerun  
Canada  Colombia  Comore Congo  Ecuador  Filippine  
Germania  Guatemala  India  Inghilterra  Irlanda  Italia  
Taiwan  Tanzania  Ucraina  Ungheria  Venezuela